.
Annunci online

 
uic 
Meglio rissose che alghe sintetiche: solo le caramelle sono dolci con tutti
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  online
Chiedetele la vibroguida
Lo strano caso della bionda intelligente
L'orso salento-padano
E' lui, è lui
  cerca

 

ASTENERSI PSICOPATICI

Blog interdetto a necrofili, fascisti, omofobi, donne frustrate, noiosi, fidanzate gelose, misogini, amiche e amici delle donne frustrate, deficienti, democristiani, sgrammaticati, petulanti, sposati infelici, integralisti religiosi, beoti maschi, benestanti, paranoici, antiabortisti, mostri, bugiardi, mitomani, donnette, pseudo esseri, antipatici, ignobili, doppiogiochisti, permalosi, portatori di faccine, spammatori, esseri con le unghie nere, assenteisti, spergiuri, indossatori di bordeaux, scrittori di po' e di dà e di qual è incapaci, soggetti convinti che le scarpe debbano essere comode e servano per camminare.

Leggere questo blog non è un bisogno fisiologico! 
Ma crea dipendenza


Copyright by Uic & Sabbia.ilcannocchiale.it

 




L'amore (così almeno se lo figura lei) è roba per gente decisa a sopraffarsi a vicenda, uno sport crudele, feroce, ben più crudele e feroce più del tennis!, da praticarsi senza esclusione di colpi e senza mai scomodare, per mitigarlo, bontà d'animo e onestà di propositi.

[G.B. Einaudi, Il giardino dei Finzi Contini]

Non ti ho amato per noia, o per solitudine, o per capriccio. Ti ho amato perché il desiderio di te era più forte di qualsiasi felicità. E lo sapevo che poi la vita non è abbastanza grande per tenere insieme tutto quello che riesce a immaginarsi il desiderio. Ma non ho cercato di fermarmi, né di fermarti. Sapevo che prima o poi l'avrebbe fatto lei. E lo ha fatto. E' scoppiata tutto d'un colpo.

[A.B. Feltrinelli, Oceano Mare]

Ma lei è contento?
Molto. Anche se la contentezza è un lavoro. L'amore è un lavoro, e non è part-time. Roba da professionisti. L'amore è annoiarsi, sentirti dire non ti comporti bene, sei uno stronzo. L'amore è anche essere spenti, è sapere come si trasformano gli anni, che cosa diventa la passione, saperla riaccendere, saper convivere se si è spenta. L'amore è tanti cazzi, ma tanti...

[S.C. Vaniity Fair]

Gravity is not responsible for people falling in love.

[A.E.]

Mi riconosci ho le scarpe piene di sassi, la faccia piena di schiaffi, il cuore pieno di battiti, gli occhi pieni di me.

[L.C]


Mano. La mia, almeno.         


 

Borsa. La mia, almeno.




- Scommetto che sei una ragazza di un certo tipo, - disse Checkers.
- Lo siamo tutte, - rispose Donna.
- Scommetto che sei quel tipo di ragazza che se sta camminando per strada e passa uno con una macchinazza e le urla qualcosa tipo 'Ehi, bella gnocca' non sorride nemmeno.
- Probabile.
- E scommetto che se quello diventasse volgare e dicesse che forse potreste combinare qualcosa, continueresti a non sorridergli. Saresti troppo sofisticata per lui.
- Giusto, di nuovo.
Checkers diede una manata al piano del tavolo. - Cristo! - esclamò a voce alta. Sembrava arrabbiato.
Donna ne fu sorpresa. Pensava stessero facendo conversazione.
- Cristo! - ripetè Checkers. - Ma chi cazzo vi credete di essere, voi donne?
Donna aggrottò le sopracciglia.
- Pensate che gli uomini siano raffinati? Pensate che moriamo tutti dalla voglia di farvi la corte? Di portarvi fuori a cena e di fare conversazione? Cristo! [...] Ma non capite? - Gli occhi di Checkers erano incollati a quelli di Donna. - Non capite proprio la perfezione di un 'Ehi, bella gnocca' detto da un uomo che non ha altro da dire?


[D.S., Einaudi, Baciarsi a Manhattan]




 

Diario | I subumani | Il bestiario | La Strega consiglia | Chiavi (in senso oggettistico) | Il mio meglio (pare) | Nuovo testa i lettori |
 
Diario
1visite.

11 giugno 2007

chi dice uomo dice boh

Piccola guida aggiornata all'uomo da evitare accuratamente:
 
1) gli infelici a tutti costi: quelli del "mi sono accorto di quanto era insulsa la mia vita quando sei arrivata tu che sei stupore e tu sei l'unica che può rendermi felice e ti prego rendimi felice". Infelici perché non hanno capito che non c'è nemmeno una donna sana di mente che voglia stare con uno che le addossa la responsabilità del suo stato d'animo per sempre.

2) gli sboroni denigranti autocentrati: quelli che all'interno di una frase qualunque usano sempre l'io. Esempio numero uno: tesoro, che ne pensi del film? IO penso che sia una stronzata perché IO l'avrei girato sicuramente meglio e poi la sceneggiatura era orribile, di sicuro IO avrei tagliato qualche scena.
Esempio numero due: Lippi è un cretino. Se fossi IO l'allenatore avrei messo in campo Del Piero Totti Inzaghi Gilardino e Buffon. Perché se IO fossi Buffon saprei parare tutto, ma proprio tutto. Perché IO quando ero alla scuola calcio ero il migliore. (Ma poi si sono rotti il ginocchio e la loro carriera calcistica è finita. Ma non c'era manco una pippa che giocava a calcio? Tutti potenziali Maradona stroncati dalla sfiga?)

3) gli stakanovisti estremi: quelli che se proprio ti va di lusso per l'anniversario si liberano verso le 22 al posto che a mezzanotte e ti portano a cena sotto l'ufficio. Quelli che quando chiedi: come va? ti rispondono sempre: eh, ho una pratica fra le mani..

4) i maniaci della crisi: quelli che vedono crisi ovunque. Dall'economia alla coppia a soprattutto se stessi. Quelli del: sono in crisi creativa, sono in crisi lavorativa, sono in crisi se non raggiungi l'orgasmo, sono in crisi se tardo in ufficio, sono in crisi perché da piccolo mia madre preferiva mio fratello, sono in crisi perché le tue amiche non mi sopportano.

5) gli accomodati: quelli che dopo nemmeno una settimana che ci esci insieme Devono Assolutamente Devono sentirsi a proprio agio con te. Quindi li trovi che fanno i loro bisognini con la porta aperta, oppure fanno i ruttini in macchina o molto peggio. Si accomodano e dànno il meglio di loro in nome dell'intimità.

6) gli ossessivi del lo-sai-che: quelli che ti perseguitano letteralmente con la loro cultura e a qualunque fatto della realtà collegano una dottrina filosofica conosciuta solo a loro, o un autore minore uzbeko o un gruppo che nemmeno a Radiopopolare dalle 3 del mattino in poi riescono a mettere. Quelli che pensano che tu sia scema perché non conosci la corrente filosofica Georgiana della fine Ottocento.

7) i disfattisti generalisti: quelli che almeno una volta al giorno si lamentano dello Stato, della cucina del ristorante, della qualità grafica della rivista che non leggono, della legislatura italiana in fatto di strisce pedonali, della mancanza di ergonomia basilare delle teiere.

8) gli ossessivi del faidate: quelli che declinano la loro laurea in tecnologie alimentari in idraulica, informatica, erbologia, elettronica impiantistica, audiometria, oculistica, ortopedia della caviglia.

9) i gelosi del tuo passato: quelli che non accettano che tu sia stata felice, soddisfatta e appagata in un rapporto che non sia con loro.

10) i competenti tra i fornelli: quelli che quando riescono a cucinare un uovo sodo gridano al miracolo se non ché per farlo hanno usato quindici padelle, otto cucchiai di legno, sei fornelli e i ti dicono: hai visto come sono bravo? il mio uovo sodo è molto più gustoso del tuo.

11) i cercoguaisti: quelli che non ce la fanno ad avere un rapporto sereno o almeno civile con il mondo. Si sentono realizzati solo nel caso in cui si rendono ridicoli quotidianamente, godono e si eccitano per il disprezzo che provocano negli altri. E tu sei in pratica l'anello di congiunzione, l'unico perché amici e parenti lo trovano un poveretto, tra lui e l'essere umano.

12) i misteriosi oh come sono tenebroso io come sono tenebroso non lo puoi sapere: tra i più infidi e difficili uomini da evitare, perché - nonostante un bell'articolo della Rodotà qualche mese fa - non è vero che alle donne piacciono i secondi, i perdenti, i falliti. Almeno alle donne sane di mente, credo. Ma il misterioso, in quanto misterioso, non sai se vince o se perde. Se è un poeta o un coglione, se è sposato o libero, se ha avuto rapporti omosessuali o meno, se faceva il picchiatore o alzava il pugno, se ha sempre lo stesso vestito nero perché è cool (ma non ditegli mai questa parola) o se è perché non ne possiede altri. Ti permette di crogliolare il tuo Io nel suo, permane in un ambiente di tenebra in cui luce non c'è. Purtroppo anche il misterioso si accompagna con la Donna Esercito della Salvezza. Quindi diciamocela: sono da evitare e l'uno e l'altra.

13) i politicizzati: basta solo il lemma a definirli e a tenerli lontani. A meno che non siano oltre che politicizzati anche politici e non vi raccomandino per il Corsera.

sfoglia
maggio        luglio